Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Il corteo per Ugo Russo nei Quartieri spagnoli

di Domenico Pizzuti sj Un insolito corteo sabato 27 febbraio è stato promosso dalla famiglia del quindicenne Ugo Russo e dagli amici del rione, per il ragazzo ucciso un anno fa da un carabiniere fuori servizio durante un incauto tentativo di rapina in via Orsini. Il corteo si è mosso dai Quartieri spagnoli al luogo dell’accaduto. Al di là della pietà per una giovane vita spezzata e della pura cronaca, questo corteo popolare merita ulteriori considerazioni per i significati che riveste sotto un profilo antropologico se non umano, per una ferita che non si rimargina. Lo striscione che apriva il corteo di circa 300 persone recitava “Verità e giustizia per Ugo. Salviamo il murale”. Secondo il padre di Ugo Russo: "Oggi chiediamo verità e giustizia per mio figlio, perché dopo un anno non sappiamo niente, neanche il risultato dell'autopsia. Oggi il murale non c’entra, c’entra la vita di Ugo Russo spezzata a 15 anni. Dopo vorrei fare un’associazione per aiutare i giovani di Napoli”. A

Ultimi post

Draghi sulla corruzione

Conversazioni sulla pandemia

Timeo Danaos...

Cronache dalle migrazioni

Il Vescovo nelle strade di Napoli

Renzi giocoliere

Per l'accesso delle donne al sacerdozio nella chiesa

USA, e c'erano le donne

Sostiene Moratti

Gesuiti. Una compagnia vivente

Appello agli aspiranti sindaci di Napoli

Accedono le donne: diventino iconiche

Malala, una lettura emozionante

Divario di cittadinanza

Lettera aperta al nuovo provinciale dei Gesuiti

Il consenso al Presidente di una società sonnolenta

La storia del secolo. Una lettura che merita

Quattro richieste al nuovo Vescovo di Napoli

Popolo, liturgia, famiglia...e rilettura dei testi. Natale al tempo del covid